Arte cilento,cultura cilentoCastellabate affitti vacanze dove dormire

Cultura e Arte nel Cilento

Si racconta che nel castello di Felitto vivesse un Barone che tranquillizzato dall’avere ai suoi ordini un corpo di guardia numeroso abusasse del suo potere comportandosi da vero e proprio tiranno. Tra le prerogative del suo potere c’era anche quella di esercitare lo IUS PRIMAE NOCTIS vale a dire il diritto di trascorrere la prima notte di nozze con ogni nuova sposa. La pena per chi si opponeva era un bel volo dal trabucco, un apertura che dal castello permetteva al barone di scarave

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 1062 volte
dal 24 Maggio 2013

La leggenda della Torre La filastrocca della Torre recita così ‘Mpere ‘u paiese miu - ‘n ‘g’ è ‘na torre, longobarda o normanna cche nne saccio. ‘N ‘ge yamo a pazzia ra zurieddi, a chera vecchia torr re lo paiese miu. Mo ‘ so ‘ restate quatto caucirogne, ‘nu muro scapezzato, e ‘na jecania. Uarda la vadde sulu nu pirtusu cù nu finucchiu e ddoie rose salovateche. Molto probabilmente si riferisce proprio al

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 246 volte
dal 23 Maggio 2013

L’origine del nome Felitto è molto contrastata e come per tutti i paesi anche Felitto ha la sua spiegazione piuttosto fantasiosa, quasi inverosimile che fa piacere poter considerare se non proprio vera almeno possibile. Si racconta che addirittura Giacomo Leopardi abbia detto la sua circa l’origine del nome Felitto. Durante il suo soggiorno napoletano Leopardi era entrato in contatto con un felittese molto illustre l’economista Matteo De Augustinis e ne fosse diventato a

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 532 volte
dal 22 Maggio 2013

Itinerari Salernitani Prezzo: € 12.91 Otto itinerari montani, dalla Costiera Amalfitana ai Monti Picentini, dal Cilento al Vallo di Diano. In occasione del Giubileo, il Club Alpino Italiano organizza escursioni in una delle aree più suggestive del Meridione, combinando paesaggi straordinari e spesso celeberrimi con la rivisitazione di luoghi e manufatti abbandonati talvolta da secoli; recuperando segni della micro-cultura contadina, di tradizioni religioso-pastorali che per secoli ha

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 715 volte
dal 17 Maggio 2013

Cilento. Natura e paesaggi del Parco di Indelli Giampiero,  Pratesi Fulco - Prezzo: € 40.00 A scorrere con lo sguardo la carta geografica del nostro paese si nota, all'estremità meridionale del Golfo di Salerno, un grande promontorio di forma più o meno trapezoidale: è il Cilento, delimitato a nord dal corso del fiume Sele, a est dal Vallo di Diano, a sud dal Golfo di Policastro e a ovest dal Mar Tirreno. Dal 1995 l'area è tutelata da un Parco Nazionale, alla cui nascita hanno dato u

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 454 volte
dal 16 Maggio 2013

Uno dei luoghi più belli di Agropoli è la baia di Trentova, meta preferita di villeggianti e turisti per le sue limpide acque e per le spiagge incontaminate. Si trova a 200m a sud dello scoglio di San Francesco e deve il suo nome a varie leggende ,una di queste dice che, in tempi remoti ,nelle grotte sottostanti lo scoglio furono rinvenute trenta uova di gabbiani. 

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 763 volte
dal 12 Maggio 2013

Quando i Saraceni sbarcarono ad Agropoli, portarono con sé un' unica donna che era figlia del loro capitano. Essi divennero subito i padroni assoluti di tutto il territorio circostante. Il comandante dell’orda non aspettò molto a far incoronare se stesso re e sua figlia regina di Agropoli . Questa donna era bellissima. Era singolare solo nel colore del volto, che era verde. Dopo averla vista a volto scoperto, i pescatori del luogo ed i contadini la chiamarono “la Regina verde”. La don

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 286 volte
dal 11 Maggio 2013

Narra un’antica leggenda agropolese che i gabbiani sono le anime dei marinai morti in mare e chi li uccide o li scaccia attira su di sé l’ira del Signore. Ad Agropoli nel XVIII secolo ci fu una carestia e una grave pestilenza. Furono uccisi in quell’occasione molti capi di bestiame, considerati portatori del virus mortale.   L’unico cibo non infetto era costituito dai pesci. I pescatori però, se, intenti a pescare, incrociavano barche sconosciute, rientravano repentinamente nel

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 816 volte
dal 10 Maggio 2013

I Romani identificarono Demetra con Cerere, e la figlia Persefone con Proserpina. Demetra era la dea greca della fecondità della terra, figlia di Crono e di Rea, sorella di Zeus e di Ades. Insegnò agli uomini, che vagavano per i boschi e si nutrivano di ghiande, l'agricoltura. Venne chiamata anche Thesmophèros, cioè legislatrice, in quanto istituì le leggi che governavano il vivere civile.  Da Lasione, un nume della terra fertile, generò Pluto,

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 816 volte
dal 8 Maggio 2013

Nato a Napoli il 23 aprile del 1857, da bambino si trasferì insieme alla famiglia a Castellabate.Nel 1859 a Castellabate morì Irene, la sorellina del compositore; riposa nella terra santa della basilica. A Leoncavallo padre è attribuito un canto, destinato alla moglie che a Napoli stava partorendo Ruggero: «O santo sole mo' ca te nne cali / si viri a nenna mia salutammilla. / Salutammilla epu' me l'abrazzari I ca a u lo ritorno me l'abbrazzo io...». Successivamente la famiglia Leoncavallo

inserita da Appartamenti per Vacanze a Santa Maria di Castellabate
visitata 830 volte
dal 12 Marzo 2012