pertosa,grotte,agosto,antrosuono,caparezza affitti vacanze dove dormire

La grande musica nelle grotte: parte la XVII edizione del “Negro”. Con Caparezza, Sepe e il sound etnico sotto le stalattiti

Turismoincilento.it - La grande musica nelle grotte: parte la XVII edizione del “Negro”. Con Caparezza, Sepe e il sound etnico sotto le stalattiti Notizie  28/08/2012 13:20:02 - admin - Il mix è di quelli unici e particolari: un festival di musica etnica all’interno delle grotte. La “location”, infatti, è il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, a Pertosa (Salerno), nelle Grotte dell’Angelo, che ospitano la 17/a edizione della rassegna “Negro”, con undici concerti (tra cui quelli di Caparezza, Daniele Sepe, l’Orchestra di via Padova e Peppe Voltarelli) dal 22 al 25 agosto, che uniscono le sonorità mediterranee alla ricerca sperimentale dei nuovi generi musicali. Con una “chicca”: accanto ai classici “live” sul palco centrale della manifestazione, sono previsti concerti acustici all’interno delle grotte per il progetto “Antrosuono”, tra le stalattiti millenarie e una fresca e stabile temperatura di 18 gradi, che regalano al pubblico un’atmosfera musicale irripetibile. Il palco centrale della 17/a edizione di Negro si accende il 22 agosto, alle 22, con lo show di Caparezza, per un viaggio di due ore tra la realtà italiana e la satira alla quotidianità: il suo progetto propone un genere di spettacolo che, nello stesso spirito del festival, guarda alla dinamica interculturale del nuovo “racconto di strada”, aggiornando la figura storica del “cantastorie” che affida i “quadri” della sua moderna narrazione a interventi di grande e divertente teatralità, nella migliore tradizione del racconto popolare, portando al pubblico, giovane e adulto, un divertimento intelligente di sapore fiabesco e, al tempo stesso di grande denuncia civile. Il live è preceduto, per Antrosuono, dall’esibizione (ore 21) nelle grotte della “Scuola d’arpa popolare” di Viggiano (Potenza), guidata dall’arpista paraguayano Lincoln Almada. Il 23 agosto comincia, sempre per Antrosuono, con la presentazione di danze e strumentazioni organiche dei “Picarielli” di ispirazione cilentana, antipasto per le evoluzioni etno-jazz di Daniele Sepe: nel suo ultimo lavoro, “Canzoniere illustrato”, l’artista ha voluto confezionare il suo repertorio di musiche internazionali (e di folklore italiano) in un vero e proprio libro di 106 pagine, con 12 fumetti di gran firma a corredo delle 12 canzoni del Cd/libro. Il main stage si apre con i Renanera di Lagonegro (Potenza) e si chiude con il Dj Ue’Cervone. Il 24 agosto è la volta degli Elva Lutza (Antrosuono, ore 21), duo di Sassari che colora di espressività nord euro