paestum,festa,poseidoniati,culturale,origini affitti vacanze dove dormire

Teatro a cielo aperto ai Templi di Paestum. La festa greca dei Poseidoniati: uno spettacolo delle origini alla ricerca dell’identità perduta

Turismoincilento.it - Teatro a cielo aperto ai Templi di Paestum. La festa greca dei Poseidoniati: uno spettacolo delle origini alla ricerca dell’identità perduta Notizie  14/09/2012 11:20:02 - admin - Dopo il successo riscosso lo scorso 8 settembre con “Scetammone Ciliento: lo spettacolo della gente!”, si rinnova l’appuntamento con il teatro classico dell’Antica Grecia al complesso archeologico di Paestum, nell’ambito dell’iniziativa culturale Mille e una…Archeologia. Sabato 15 settembre, alle ore 21.00, in scena La festa greca dei Poseidoniati, performance teatrale inedita – al suo debutto nazionale – della Compagnia dell’Accademia Magna Graecia di Paestum. Lo spettacolo, che sviluppa una brillante intuizione della direttrice del Museo Archeologico Nazionale, la dott.ssa Marina Cipriani, scritto e diretto da Sarah Falanga, si ispira agli scritti classici di Aristosseno di Taranto a proposito dei greci di Poseidonia, che, pur passati alla condizione di barbari, a causa della conquista dei loro territori, celebravano ancora una ricorrenza greca, richiamando alla memoria gli antichi fasti e le tradizioni perdute. Ispirandosi alle pochissime fonte pervenuteci e meno che meno a quelle certe, il copione prende spunto dal frammento “Festa greca di Posidonia”, l’unico che fornisce una qualche interpretazione storico-religiosa di questa festa e che presenta l’imbarbarimento dei Poseidoniati come un fatto d’ordine etnico-culturale e non legato ad eventi politico-militari. La festa di cui si parla, che appare chiaramente come una festa rituale a ricorrenza annuale fissa, si articolerebbe nei tre momenti canonici di un rito celebrativo, comprendente una commemorazione, una forma di lamento ed un congedo. In particolare, il lamento appare come un elemento fortemente connotativo del rituale e farne mera espressione del lutto dei Poseidoniati per la triste condizione della città è banalizzante. Infatti, la festa nel suo svolgersi assumeva più la valenza di una celebrazione commemorativa in nome dell’ eroe fondatore, un culto eroico che essi rendevano al loro fondatore, un culto che in tempo di “imbarbarimento”, ben si prestava alla celebrazione dell’originaria identità civica e culturale persa. Il testo, complicato da immaginare, ha trovato vita dalla grande necessità di raccontare al pubblico quanto importanti sono le sue origini e quanto importante sia la conoscenza della propria storia, la rivalutazione vissuta delle sue origini. Lo spettacolo sarà una vera e propria rievocazione per rivivere tutti insieme quell’atmosfera gioiosa e festante tipica dei secoli fiorenti della classicità gre